Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Steatoepatite non alcolica, nuove speranze da un profarmaco del testosterone

Arrivano dati incoraggianti su una nuova molecola che potrebbe aiutare nel trattamento della steatoepatite non alcolica (NASH). I risultati positivi sono relativi a uno studio di fase 2 e sono stati annunciati attraverso un comunicato stampa dell’azienda che sta sviluppando il farmaco che per ora in sigla è indicato come LPCN 1144, un profarmaco del testosterone endogeno somministrato per via orale.

LPCN 1144, un profarmaco orale del testosterone bioidentico, è in fase di sviluppo come trattamento per la steatoepatite non alcolica pre-cirrotica ("NASH") ed è attualmente oggetto di studio in fase 2 con biopsia accoppiata confermata dalla NASH.

Il 75% delle NASH confermate da biopsia hanno livelli di testosterone sotto i 371 ng/dL. I livelli del testosterone libero diminuiscono significativamente con l’aumentare della fibrosi. Nei pazienti cirrotici più del 90% riporta bassi livelli di testosterone ed è un predittore di mortalità.

LPCN 1144 agirebbe sia a livello pre-fibrotico quindi con azione antinfiammatoria, antisteatosi, antiossidante che sulla fibrosi diminuendo il TGF-beta e aumentando l’IGF quindi agevolando la rigenerazione.
Studi che hanno preceduto questo di cui riportiamo i risultati, hanno evidenziato riduzione del grasso epatico, buona tollerabilità e anche miglioramento nelle prestazioni sessuali.

Lo studio clinico chiamato Liver Fat intervention with oral Testosterone (LiFT) ha incluso 37 uomini con NASH a cui è stato somministrato per due volte al giorno 142 mg di testosterone equivalente (n=13), 142 mg di testosterone equivalente formulato con 238 mg di d-alfa tocoferolo equivalente (n=13) o placebo (n=11).
Gli endpoint studiati includevano la variazione della frazione grassa epatica dopo 12 settimane di trattamento, nonché la variazione istologica per la risoluzione della NASH e/o il miglioramento della fibrosi dopo 36 settimane di trattamento.

I ricercatori hanno eseguito biopsie epatiche al basale e dopo 36 settimane di trattamento.
A 12 settimane, i risultati dello studio hanno dimostrato una riduzione assoluta media del 9,2% del grasso epatico e una riduzione relativa del 46,8% del grasso epatico rispetto al placebo.

Inoltre, entrambi i gruppi di trattamento con LPCN 1144 hanno mostrato un miglioramento della NASH senza peggioramento dei responder alla fibrosi rispetto al placebo (rispettivamente 60% e 57% vs. 13%).

Durante le 36 settimane di trattamento, LPCN 1144 è stato ben tollerato con un profilo di sicurezza paragonabile al placebo.

"L'entità dei risultati di efficacia della LPCN 1144 nel soddisfare l'endpoint normativo della risoluzione NASH dello studio LiFT è sorprendente senza alcun segnale di sicurezza avverso", ha evidenziato Arun Sanyal, professore presso il dipartimento di medicina interna ed educazione della Virginia Commonwealth University presso il VCU Center for Clinical and Translational Research. "Questi dati supportano fortemente l'ulteriore sviluppo di questo nuovo approccio differenziato come trattamento della NASH".

Fonte: pharmastar.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione