Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

La più ampia serie di casi di SOF + GLE/PIB + RBV per guarire pazienti con HCV: 100% SVR12

AASLD, The Liver Meeting, 12-15 novembre 2021

Un regime anti-HCV a base di sofosbuvir (SOF) più glecaprevir (GLE)/pibrentasvir (PIB) e ribavirina (RBV) ha aiutato 12 su 12 persone con fallimenti multipli di antivirali ad azione diretta (DAA) a raggiungere una risposta virologica sostenuta 12 settimane dopo il trattamento (SVR12) in un'analisi retrospettiva statunitense [1]. Nessuno ha dovuto interrompere il regime in anticipo o ha avuto un evento avverso che ha richiesto il ricovero ospedaliero.

Le linee guida AASLD e EASL richiedono da 16 a 24 settimane di SOF+GLE/PIB+RBV dopo il fallimento di un'altra combinazione di seconda linea (dopo primo fallimento), SOF più velpatasvir (VEL) e voxilaprevir (VOX). Ma tali indicazioni si basano su pochi casi clinici. 
I ricercatori della Kaiser Permanente (KP) della California settentrionale e dell'Università della California, hanno realizzat una ricerca per mettere insieme una serie di casi più ampia di persone che hanno utilizzato questi DAA.

L'analisi ha coinvolto tutti gli adulti presso KP e UCSF in cui la terapia di seconda linea SOF/VEL/VOX non aveva condotto ad SVR12; il regime terapeutico utilizzato a seguito di tale secondo fallimento è stato SOF+GLE/PIB+RBV. Le 12 persone identificate avevano un'età media di 66 anni al momento del trattamento. Dieci erano uomini, 10 bianchi, 1 nero e 1 nativo americano.

Otto persone avevano fallito due regimi a base di DAA, 2 persone avevano falliti 3 regimi a e 1 persona ne aveva falliti quattro. 
Sette persone avevano ipertensione, 5 avevano il diabete e l'indice di massa corporea mediano era di 28 kg/m2 (nella fascia di sovrappeso). Una persona ha avuto un trapianto di fegato e 1 un trapianto di rene.

Otto persone avevano HCV di genotipo 1a, mentre 4 avevano genotipo 3. Lo stadio della fibrosi era F0 in 2, F1 in 1, F2 in 3 e F4 in 6. 
Tra le 6 persone con cirrosi, 3 avevano classe Child-Turcotte-Pugh A5 e 3 avevano la classe A6. Tre persone avevano varici esofagee e 3 avevano un carcinoma epatocellulare.

Il trattamento è durato 16 settimane in 7 persone e 24 settimane in 5. Sei persone hanno assunto una dose di RBV basata sul peso da 1000 a 1200 mg al giorno, mentre 6 hanno preso 600 mg al giorno. 
I medici hanno ridotto la dose di RBV in 9 persone durante il trattamento. 

Tutti hanno raggiunto SVR12.

Nessuno ha interrotto il trattamento in anticipo, nessuno ha usato epoetina alfa e nessuno ha avuto una reazione avversa che ha richiesto il ricovero ospedaliero.



Riferimento
1. Saxena V, McKinney J, Chamberland SL, et al. Eccellente efficacia e sicurezza di sofosbuvir, glecaprevir, pibrentasvir e ribavirina per il ritrattamento dell'epatite cronica C dopo fallimento di sofosbuvir, velpatasvir e voxilaprevir. AASLD, The Liver Meeting, 12-15 novembre 2021. Sessione parallela 14: Sessione orale sull'epatite C.


traduzione a cura di Epac Onlus

Fonte: Natap.org 

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione