Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Le terapie per curare l'epatite C

Se hai scoperto di essere affetto da epatite C la cosa più importante da sapere è che oggi l'epatite C si cura ed è possibile guarire definitivamente!

Esistono infatti farmaci innovativi che in cicli terapeutici di 8, 12 o 16 settimane permettono la guarigione in più del 95% dei pazienti; inoltre le terapie sono in costante evoluzione e nuovi farmaci in arrivo arricchiranno la gamma di terapie disponibili, con percentuali di successo terapeutico sempre più vicine al 100%

I farmaci innovativi sinora approvati per la cura dell’epatite C sono:

I centri di cura

La prima cosa da fare, se hai scoperto di essere affetto da HCV è quella di rivolgersi al Medico di Famiglia e farsi indirizzare presso un Centro Autorizzato nella cura delle epatiti, o in alternativa recarsi direttamente in un Centro Autorizzato per avere una diagnosi completa sullo stato dell’infezione o malattia ed eventualmente iniziare un ciclo terapeutico.

È necessario sapere che non tutti i Centri Autorizzati possono prescrivere i nuovi farmaci per l’epatite C: ogni regione ne ha infatti un certo numero con l’abilitazione alla prescrizione e somministrazione di questi farmaci.

È fondamentale rivolgersi ad un Medico Specialista di un Centro Autorizzato perché solamente così è possibile definire il quadro clinico, ed iniziare un percorso di cura.

Cerchi un centro autorizzato? Scopri quello più vicino nella tua regione

Terapie future

Dopo oltre un decennio in cui l’unica terapia per l’Epatite C disponibile era quella basata sulla duplice terapia interferone + ribavirina, negli ultimi anni si è assistito ad una vera e propria rivoluzione per la cura di questa patologia.

Prima l’arrivo degli Inibitori di Proteasi di I generazione, farmaci con una efficacia superiore a quella delle precedenti terapie, ma con effetti collaterali fortissimi, anche per la concomitante assunzione di INF e RBV; poi è giunta l’era delle nuove molecole, gli antivirali ad azione diretta, che hanno completamente rivoluzionato il trattamento dei pazienti con epatite C, scrivendo una pagina storica della medicina. Farmaci che hanno permesso di semplificare drasticamente le terapie, portare i tassi di cura quasi al 100%, permettendo di trattare tutti i pazienti, indipendentemente dal genotipo, patologie associate, cirrosi, e ridurre la durata in maniera straordinaria, fino anche a 8 settimane, con effetti collaterali a livelli trascurabili.

Cosa più importante, con l’arrivo delle combinazioni prima nel 2015 e ancor più per quelle arrivate e che si apprestano ad arrivare nel 2017, è stato completamente eliminato l’Interferone mentre la Ribavirina trova ormai utilizzo solo in alcune particolari casistiche.

Oggi in Italia sono disponibili diversi farmaci e combinazioni terapeutiche, fornite in maniera gratuita da SSN a Tutti i pazienti affetti da Epatite C, di cui l’ultima giunta proprio alla fine del mese di Settembre 2017. Inoltre, un’ulteriore combinazione è di imminente arrivo, che sembra destinata a fornire una risposta terapeutica efficace e specifica per chi ha fallito terapie di ultima generazione, così come di importanza straordinaria è l’estensione dell’utilizzo di farmaci e combinazioni già disponibili anche all’età pediatrica.

Di contro, lo sviluppo di molte delle molecole e combinazioni farmacologiche in sperimentazione, in fase più o meno avanzata, sono state interrotte, per motivazioni non legate alla sicurezza o efficacia, ma piuttosto perché hanno constatato che le strategie oggigiorno disponibili o in imminente arrivo sono ampiamente sufficienti a rispondere ai bisogni dei pazienti, e quelle in sviluppo non avrebbero potuto aggiungere nessuna importante novità.

Vuoi saperne di più sulle future terapie? Visita questa pagina

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!