Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Vent’anni dal primo trapianto di fegato eseguito in Sicilia: festa dell'Ismett a Villa Zito

Prevista la presenza del governatore Musumeci, dell'assessore Razza e del partner americano University of Pittsburgh Medical Center. Poi un convegno dal titolo “Immaginare il futuro del trapianto di fegato: costruire su 20 anni di esperienza all'Ismett

Si svolgerà giovedì 11 luglio presso la Fondazione Banco di Sicilia (Villa Zito, via della Libertà 52) la cerimonia per celebrare i vent’anni dal primo trapianto di fegato eseguito in Sicilia all'Ismett di Palermo. La manifestazione si svolgerà a partire dalle ore 11.

Previsti, fra gli altri, gli interventi del Presidente della Regione Nello Musumeci, dell’assessore Regionale alla Sanità, Ruggero Razza, dei vertici di Ismett e del partner americano University of Pittsburgh Medical Center (Upmc).

Il giorno successivo, venerdì 12 luglio, sempre i locali della Fondazione Banco di Sicilia ospiteranno un convegno scientifico dal titolo “Immaginare il futuro del trapianto di fegato: costruire su 20 anni di esperienza all'Ismett” a cui parteciperanno tutti i Direttori dei Centri Nazionali Trapianto di Fegato ed esperti internazionali. Il convegno organizzato dall'Irccs Ismett  e da Upmc, è accreditato per Ecm e sarà accessibile -  per medici e addetti ai lavori - anche in diretta streaming (www.ismettliver2019.com).

“Le celebrazioni del 20 ° anniversario del primo trapianto di fegato eseguito in Sicilia – sottolinea Angelo Luca, direttore di Ismett - saranno un'occasione per fare il punto su quanto è stato fatto in questi anni, ma soprattutto per presentare lo stato dell’arte del cluster Ismett /Ri.Med e i progetti che la Regione Siciliana, Upmc e la Fondazione Ri.Med hanno recentemente condiviso nel nuovo accordo-quadro decennale”.

Fonte: palermotoday.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione