Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Steatosi epatica, la fibrosi indice di morbilità

La fibrosi confermata dalla biopsia è stata associata al rischio di mortalità e morbilità correlate al fegato nei pazienti con NAFLD e in un sottogruppo di pazienti con NASH, indipendentemente dai fattori di confondimento, secondo i risultati di uno studi

La fibrosi confermata dalla biopsia è stata associata al rischio di mortalità e morbilità correlate al fegato nei pazienti con NAFLD e in un sottogruppo di pazienti con NASH, indipendentemente dai fattori di confondimento, secondo i risultati di uno studio pubblicato su Gastroenterology.

Rod S. Taylor dell'Università di Glasgow, e colleghi hanno evidenziato che è ampiamente riconosciuto che la fibrosi epatica si sviluppa a seguito di una lesione epatica secondaria a steatoepatite in pazienti con NAFLD.

"Dato che l'attività della malattia nella NASH può variare nel tempo e la biopsia epatica può essere soggetta alla variabilità del campionamento, alcuni pazienti con NASH potrebbero essere classificati erroneamente come non affetti da NASH", hanno sottolineato nel lavoro.
"Inoltre, il tasso di progressione della fibrosi e la percentuale di individui con NAFLD con progressione della fibrosi era simile in uno studio a lungo termine con biopsie epatiche di pazienti accoppiati a seconda che avessero o meno la NASH al basale."

I ricercatori hanno condotto una meta-analisi per valutare il valore dello stadio della fibrosi nei pazienti con NAFLD e un sottogruppo di pazienti con NASH. Hanno cercato in letteratura studi di coorte prospettici e retrospettivi su eventi e risultati medici correlati al fegato negli adulti con NAFLD o NASH.

Usando i dati della biopsia, hanno raccolto informazioni sulla mortalità e sulla morbilità per stadio della fibrosi.
Sono stati identificati 13 studi comprendenti 4.428 pazienti con NAFLD che soddisfacevano i loro criteri. Di questi pazienti, 2.875 avevano la NASH.

Rispetto all'assenza di fibrosi, la fibrosi allo stadio quattro era associata a rischio di mortalità per tutte le cause (RR=3,42; IC 95%, 2,63-4,46), mortalità correlata al fegato (RR=11,13; IC 95%, 4,15-29,84), trapianto di fegato (RR=5,42; IC al 95%, 1,05–27,89) ed eventi correlati al fegato (RR=12,75; IC al 95%, 6,85–23,85).

Anche dopo adattamento per fattori confondenti quali età o sesso nel sottogruppo di pazienti con NASH, Taylor e colleghi hanno trovato che l'entità del rischio relativo non è cambiata.

“L'aumento dello stadio della fibrosi è associato a un aumento da cinque a 12 volte del rischio relativo di eventi correlati al fegato. Sono necessarie ulteriori prove da studi ben riportati al fine di chiarire l'impatto dello stadio della fibrosi sul benessere del paziente e per confermare il cambiamento nella fibrosi confermata dalla biopsia come endpoint surrogato valido nel contesto di studi randomizzati controllati di trattamenti per NAFLD e NASH” hanno concluso gli autori.

Fonte: pharmastar.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione