Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Servono screening congiunti Hcv/Covid-19. Lo ribadisce un position paper di Alleanza Contro le Epatiti

I risultati di un nuovo studio condotto dagli Oxford University Hospitals nel Regno Unito e dalla University of North Carolina negli Stati Uniti ha evidenziato che i pazienti con Covid-19 e cirrosi hanno un tasso di mortalità complessivo del 40%. I pazienti con cirrosi scompensata hanno il più alto tasso di mortalità (tra il 43 e il 63%), rispetto al 12% per i pazienti con malattia epatica senza cirrosi. Questi dati sono stati presentati in Italia da un Position Paper condiviso dalle società scientifiche AISF - Associazione Italiana per lo Studio del Fegato e SIMIT - Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali, di concerto con l'Associazione Pazienti EpaC onlus, riunite sotto la sigla ACE - Alleanza Contro le Epatiti.

L’emergenza sanitaria provocata dalla pandemia di Covid-19 ha stravolto il sistema sanitario italiano, ma la preesistenza di altre patologie non deve essere trascurata. In particolare, i risultati di un nuovo studio condotto dagli Oxford University Hospitals nel Regno Unito e dalla University of North Carolina negli Stati Uniti mostrano alti tassi di mortalità con Covid-19 nei pazienti con cirrosi e che la contrazione del virus può portare a un deterioramento della funzionalità epatica.

I ricercatori hanno scoperto che i pazienti con cirrosi avevano un tasso di mortalità complessivo del 40%. I pazienti con cirrosi scompensata avevano il più alto tasso di morte (tra il 43 e il 63%), rispetto al 12% per i pazienti con malattia epatica senza cirrosi.

Questi dati sono stati presentati in Italia da un Position Paper condiviso dalle società scientifiche AISF – Associazione Italiana per lo Studio del Fegato e SIMIT – Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali, di concerto con l’Associazione Pazienti EpaC onlus, riunite sotto la sigla ACE – Alleanza Contro le Epatiti.

Alla luce del rallentamento, spesso divenuto interruzione, degli screening e dei trattamenti per Epatite C durante i mesi della pandemia, l’appello adesso è per un’immediata ripartenza, in vista dell’obiettivo di eliminazione del virus dal nostro Paese entro il 2030 come proposto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Un risultato raggiungibile grazie all’innovazione garantita dai nuovi farmaci antivirali ad azione diretta (DAA) per il trattamento dell’epatite C che permettono di eradicare il virus in maniera definitiva, in tempi rapidi e senza effetti collaterali. Ma nel documento presentato oggi la proposta più importante è quella di avviare immediatamente uno screening congiunto HCV / Covid-19 come, peraltro, anche indicato nel documento conclusivo dell’ “Indagine conoscitiva in materia di politiche di prevenzione ed eliminazione dell’epatite C”, approvato all’unanimità in XII Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, lo scorso 11 giugno.

Questi temi sono stati presentati nella Press Web Conference “Presentazione ufficiale del documento di posizione ACE. Screening Congiunto Hcv/Covid-19”, organizzata da MA Provider con il contributo non condizionato di Abbvie e di Gilead Sciences. Hanno partecipato, in qualità di relatori, clinici, pazienti e parlamentari attivi sul tema: Massimo Andreoni, Direttore Scientifico SIMIT; Salvatore Petta, Segretario AISF;l’On. Elena Carnevali, XII Commissione Affari SocialiCamera dei Deputati; l’On. Michela Rostan, Vicepresidente XII Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati; Ivan Gardini, Presidente EpaC Onlus. Moderati nel dibattito dal giornalista Alessandro Cecchi Paone.

L'opportunità di effettuare test che permettano il co-screening Covid-19 e HCV sta raccogliendo sempre più consensi in ambito clinico e istituzionale. Sulla base del decreto Milleproroghe, che individua fondi necessari per rendere gratuito per gli anni 2020 e 2021 lo screening HCV per alcune specifiche categorie, ACE propone che i soggetti nati tra 1969 e 1989, coloro che sono seguiti dai servizi pubblici per tossicodipendenze (SerT) e i detenuti siano avviati ad un programma di screening sierologico congiuntoanche per Covid-19. Per la popolazione generale ACE propone che vengano coinvolti i Medici di Medicina Generale e i reparti ospedalieri, affinché possano valutare e procedere sempre con la determinazione sierologica di anticorpi anti-HCV e anti-Covid-19.

“Nei decreti attuativi che si andranno a redigere per la messa in pratica del Decreto Milleproroghe per gli screening HCV sarebbe importante inserire anche la possibilità di test abbinati per le due patologie, Covid-19 ed Epatite C – sottolinea il Direttore Scientifico SIMIT Prof.Massimo Andreoni – Serve un’indicazione esplicita affinché le singole Regioni possano poi organizzare campagne che perseguano questo fine duplice con gli stessi mezzi. Da un punto di vista tecnico non sono previste misure supplementari, oltre al prelevamento del campione di sangue già previsto per i test su Covid”.“L’approvazione del Report della XII Commissione (Affari Sociali) della Camera evidenzia la necessità di creare una cabina di regia nazionale per coordinamento Stato-Regioni per eradicare le epatiti virali – afferma il Segretario AISF Prof. SalvatorePetta –Diventadunque fondamentale puntare su screening e prevenzione, sul linkage-to-care e sui trattamenti. Non bisogna perdere l’occasione di uno screening congiunto: i decreti attuativi inerenti i programmi di screening possono formalizzare come fare il doppio test, far combaciare popolazioni differenti”.

Intanto nel comune di Casola di Napoli, proprio giovedì 18 giugno, è partito il primo progetto europeo di doppio screening Covid-Hcv. Dalla prossima settimana nel piccolo comune, abitato da poco meno di 4mila cittadini, i residenti saranno invitati a sottoporsi ad entrambi i test recandosi in postazioni dedicate e tutelati da protocolli di sicurezza studiati ad hoc. Il Sindaco - che ha ufficialmente avviato il progetto sottoponendosi per primo ad entrambi i test -ha candidato il proprio comune come modello per il resto d’Italia.

“Finalmente passiamo dalle parole ai fatti – evidenzia il Presidente di EpaC Onlus Ivan Gardini. – Siamo orgogliosi del fatto che la nostra Associazione abbia promosso questo progetto pionieristico, che a nostra conoscenza è il primo nel suo genere in Italia ed in Europa, e con questa iniziativa proponiamo un punto di riferimento per altri comuni di tutto il Paese. È fondamentale cogliere questa occasione e sfruttarne al meglio ogni potenzialità. Questa è la dimostrazione che con la buona volontà e un lavoro di squadra si può fare tutto”. Il progetto è stato avviato anche grazie al contributo della Regione Campania e alla preziosa collaborazione dell’ASL3 Napoli, Sindaco e Giunta del Comune di Casola, Associazione Astra, e con la direzione scientifica del dott. Carmine Coppola, Direttore Unità complessa Epatologica Ospedale di Gragnano.

“La combinazione dello screening HCV con quello relativo al Covid-19 potrebbe consentire di ottimizzare le risorse. Restano però alcuni problemi aperti: anzitutto, la campagna di 150mila test per il Covid-19 avviata dal Ministero della Salute in collaborazione con l’ISS è già partita, ma manca ancora il Decreto attuativo al Milleproroghe per avviare gli screening HCV, nonostante la platea destinata all’introduzione dello screening in via sperimentale è ben individuata nella Legge.

Tuttavia, gli esami sierologici sono destinanti a perdurare nel tempo, quindi la combinazione potrebbe garantire l’ampliamentodella platea per facilitare l’emersione del sommerso. Rimane comunque importante che le risorse destinate per il 2020 in funzione dello screening vengano al più presto utilizzate”.

Questo è il commento dell’On. Elena Carnevali, membro della XII Commissione Affari Sociali. “Oltre a un fondamentale programma discreening abbinati, è necessario procedere su molteplici fronti. Va creato un Fondo per il contrasto dell’HCV che dia luogo a un Piano Nazionale di eliminazione che includa anche una parallela valutazione sulla possibilità di proroga dello status di innovatività dei farmaci; si deve avviare un’indagine epidemiologica, implementare campagne di sensibilizzazione della popolazione e coinvolgere iMedici di Medicina Generale. Con queste proposte possiamo ripartire in una battaglia che ci vede a un passo dal traguardo” ha dichiarato l’On. Michela Rostan, Vicepresidente della XII Commissione Affari Sociali della Camera.

Fonte: pharmastar.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione