Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Malattia epatica avanzata, cinque volte maggiore nelle persone con diabete. Importante valutare il grado di fibrosi

Uno studio pilota inglese suggerisce che la diagnosi di malattia epatica avanzata nelle persone affette da diabete potrebbe essere aumentata di 5 volte se nelle cure di routine fosse anche inclusa la valutazione della fibrosi epatica. E’ quanto presentato oggi al Digital ILC 2020, il congresso dell’Associazione Europea per lo Studio del Fegato come suggerisce un comunicato stampa del congresso.

La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è considerata la manifestazione epatica della sindrome metabolica e colpisce fino al 25% degli adulti in tutto il mondo. È una condizione progressiva caratterizzata dalla deposizione di grasso nel fegato che, alla fine, porta all'infiammazione e cicatrici (fibrosi). Questa condizione più avanzata è nota come steatoepatite non alcolica (NASH).

Il diabete di tipo 2 (T2DM) è un importante fattore di rischio per NAFLD, con una prevalenza fino al 50% in questa popolazione e può anche accelerare la progressione verso la NASH e la cirrosi epatica.
Nonostante alcune linee guida raccomandino lo screening per la NASH o la fibrosi avanzata nelle popolazioni a rischio, non è universalmente implementato e rimane controverso.

La valutazione di routine della fibrosi epatica nelle persone con diabete mellito di tipo 2 (T2DM) ha il potenziale per identificare un gran numero di casi precedentemente sconosciuti di malattia epatica avanzata, secondo uno studio pilota condotto in due centri di assistenza primaria nel nord-est dell'Inghilterra.

"La NAFLD è molto diffusa e sta rapidamente diventando la principale indicazione per il trapianto di fegato. È quindi importante diagnosticare una grave malattia del fegato quando i pazienti sono ancora nella fase asintomatica in modo da prevenire un'ulteriore progressione della malattia ", ha affermato il professor Emmanuel Tsochatzis del Royal Free Hospital e dell'University College di Londra e membro del consiglio di amministrazione dell'EASL. "Non possiamo fare affidamento sul giudizio clinico o sui test epatici anormali, abbiamo bisogno di percorsi di stadiazione con valutazione non invasiva della fibrosi nelle cure primarie o nelle cliniche diabetiche. Questo studio fornisce la prova del concetto che tali percorsi sono fattibili e altamente efficaci ".

Lo studio ha valutato la fibrosi epatica a due livelli come parte delle revisioni di routine del diabete e ha scoperto che il 4,8% dei loro pazienti con diabete aveva anche fibrosi o cirrosi epatica avanzata, mettendoli a rischio elevato di cancro al fegato o trapianto di fegato.
In questo studio pilota, una valutazione della fibrosi a due livelli è stata incorporata nella revisione di routine del diabete per 477 pazienti consecutivi con T2DM (tra aprile 2018 e settembre 2019).

Per tutti i pazienti di età superiore ai 35 anni è stato calcolato il punteggio FIB-4 (una misura della potenziale fibrosi epatica basata sui biomarcatori del sangue e sull'età).
Un totale di 84 pazienti aveva un punteggio FIB-4 superiore al cut-off correlato all'età, di cui 56 erano idonei per la valutazione della loro fibrosi mediante elastografia transitoria (FibroScan).

I pazienti con una misurazione della rigidità epatica (LSM) pari o inferiore a 8 kPa sono rimasti in cure primarie e sono stati consigliati di ripetere la stadiazione dopo 3 anni.
Tuttavia, 24 pazienti avevano una LSM> 8 kPa, indicante una fibrosi significativa, e sono stati indirizzati alle cure secondarie.

I pazienti ritenuti affetti da fibrosi/cirrosi avanzata sulla valutazione specialistica sono stati arruolati in programmi di sorveglianza.
Il tasso complessivo di fibrosi/cirrosi avanzata è stato del 4,8%, rappresentando un aumento di 7 volte nella diagnosi di malattia epatica avanzata/cirrosi rispetto a quanto precedentemente sperimentato in pazienti con diabete in questo centro.

Inoltre, lo studio ha rilevato che oltre il 50% dei pazienti a cui era stata diagnosticata una fibrosi significativa o una malattia epatica avanzata presentava livelli normali di alanina aminotransferasi (ALT). A due pazienti asintomatici è stato diagnosticato anche un carcinoma epatocellulare.

"Abbiamo identificato un numero significativo di pazienti con malattia epatica avanzata, oltre la metà dei quali aveva ALT normale, che sarebbero stati persi se fossero state seguite solo le linee guida nazionali", ha affermato la dott.ssa Dina Mansour, consulente gastroenterologo presso il Queen Elizabeth Hospital di Gateshead, UK. "A nostra conoscenza, questo è il primo percorso che incorpora la valutazione della fibrosi epatica a due livelli nelle revisioni di routine del diabete nell'assistenza primaria".

Mansour D. Incorporating assessment of liver fibrosis into routine diabetic review in primary care: a pilot. Digital ILC-2020 27-30 Agosto 2020

Fonte: pharmastar.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione