Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Louisiana adotta 'modello Netflix' per pagare anti-epatite C

un innovativo modo di finanziare i costosi trattamenti

Lo Stato americano della Louisiana sarà il primo ad adottare un innovativo modo di finanziare i costosi trattamenti per l'epatite C: invece di paga- re per ogni singola prescrizione, il Governatore democratico della Louisiana, John Bel Edwards, ha annunciato che si procederà con una sorta di 'quota di iscrizione' alle aziende farmaceutiche produttrici di questi medicinali. Un sistema a dir poco alternativo, ribattezzato 'modello Netflix'. In pratica, riporta il 'Washington Post', lo Stato otterrebbe in questo modo un accesso illimitato alle terapie, in modo simile a come gli utenti pagano un canone mensile per lo streaming di programmi televisivi e film. "Ho parlato con un certo numero di governatori americani, per assicurarmi che conoscessero quello che stiamo provando a fare - ha affermato Edwards - e, se avremo successo, credo sarà un sistema degno di emulazione in tutto il Paese". La nuova, efficace generazione di cure per l'epatite C sta offrendo la rara opportunità di sradicare questo virus. I governi federali e le assicurazioni sanitarie hanno però dovuto prendere decisioni difficili su come bilanciare l'accesso a trattamenti altamente efficaci con altre priorità di spesa, nel bel mezzo della grave crisi di abuso di oppioidi, che ha peraltro contribuito ad alimentare la diffusione della malattia tra gli utilizzatori di droghe per via endovenosa.

L'obiettivo della Louisiana è trattare 10.000 persone con epatite C entro il 2020 - circa un quarto della popola- zione infetta iscritta a Medicaid e in carcere - dando impulso al lento flusso che ha visto solo 1.000 persone trattate lo scorso anno, a un costo di circa 35 milioni di dollari. Le aziende interessate, in primis Gilead e Abbvie, si sono dette d'accordo a sperimentare il 'modello Netflix', ipotizzato per la prima volta in un articolo pubblicato sul 'Journal of American Medical Association' a novembre scorso. Secondo quanto proposto su 'Jama', questo 'abbonamento' annuale potrebbe esse- re basato sull'importo che sarebbe stato preventivato per trattare la malattia in un dato anno, il che significa che le compagnie farmaceutiche non perderebbero entrate e che gli Stati potrebbero tenere sotto controllo la spesa.

Fonte: leggi o scarica

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione