Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Giornata mondiale delle epatiti. Oms: “Accelerazione eliminazione epatite B tra madri e bambini”

I bambini di età inferiore a 5 anni affetti da Epatite B sono stati meno dell'1% nel 2019. Un calo significativo rispetto al 5% registrato nell'era pre-vaccino. In occasione della giornata mondiale l'Oms chiede di mantenere alta l'attenzione sulla prevenzione della trasmissione madre-figlio attraverso il test per le donne in gravidanza, la fornitura di profilassi antivirale e l'accesso al vaccino alla nascita. Preoccupano le interruzioni delle vaccinazioni causate dall'epidemia di Covid-19.

28 LUG - La percentuale di bambini di età inferiore ai cinque anni infetti cronicamente da epatite B (HBV) è scesa a poco meno dell'1% nel 2019, rispetto al 5% circa nell'era pre-vaccino (periodo tra gli anni '80 e l'inizio degli anni 2000), secondo le nuove stime dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Questo segna il raggiungimento di uno degli obiettivi cardine per l'eliminazione dell'epatite virale.

"Nessun bambino dovrebbe morire di epatite B a causa della mancata vaccinazione. Oggi siamo riusciti a ridurre drasticamente il numero di casi di danno epatico e cancro al fegato nelle generazioni future - ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms -. Prevenire la trasmissione dell'epatite B da madre a bambino è la strategia più importante per controllare la malattia e salvare vite umane. Anche nel bel mezzo della pandemia di Covid-19, dobbiamo garantire che madri e neonati abbiano accesso a servizi salvavita tra cui le vaccinazioni contro l'epatite B."

In occasione della Giornata mondiale dell'epatite 2020, l'Oms chiede un'azione unita e intensificata per prevenire la trasmissione madre-figlio dell'HBV attraverso il test delle donne in gravidanza e la fornitura di profilassi antivirale a coloro che ne hanno bisogno, oltre a mantenere e ampliare l'accesso all'immunizzazione dell'epatite B e al vaccino alla nascita.

A livello globale, oltre 250 milioni di persone vivono con infezione cronica da HBV. I neonati sono particolarmente vulnerabili: circa il 90% dei bambini infetti da HBV nel loro primo anno di vita diventa portatore cronico di HBV. Questa attacca il fegato e afferma la morte di quasi 900.000 persone ogni anno.

Prevenire l'epatite B. I bambini, spiega l'Oms, possono essere protetti dall'HBV attraverso un vaccino sicuro ed efficace che fornisce oltre il 95% di protezione contro le infezioni. L'Organizzazione raccomanda che tutti i neonati ricevano una prima dose del vaccino contro l'epatite B il più presto possibile dopo la nascita, preferibilmente entro 24 ore, seguita da almeno 2 dosi aggiuntive.

"L'ampliamento del vaccino contro l'epatite B in tutto il mondo negli ultimi due decenni, che è stato in gran parte dovuto al supporto fornito da Gavi, Vaccine Alliance, è stato un grande successo di salute pubblica e ha contribuito alla riduzione delle infezioni da Hbv tra bambini. Nel 2019, la copertura di 3 dosi del vaccino contro l'epatite B durante l'infanzia ha raggiunto l'85% in tutto il mondo, rispetto al 30% circa nel 2000. Tuttavia, l'accesso alla prima dose critica entro 24 ore dalla nascita rimane irregolare. La copertura globale di questa dose alla nascita è del 43%, ma scende al 34% nella regione del Mediterraneo orientale dell'Oms e solo al 6% nella regione africana dell'Oms".

“L'ampliamento dell'accesso a una dose tempestiva di nascita del vaccino contro l'epatite B è la pietra angolare degli sforzi per prevenire la trasmissione dell'HBV da madre a figlio. Per paesi in particolare in regioni come l'Africa sub-sahariana, dove non è stata ancora introdotta la dose di nascita del vaccino contro l'epatite B, è una priorità garantire tale protezione il più presto possibile ", ha affermato Meg Doherty, direttore del programma globale Hiv, Programmi di epatite e Sti.

Un altro modo per proteggere i bambini è quello di fornire alle donne in gravidanza un trattamento antivirale per ridurre la trasmissione madre-bambino dell'Hbv. L'Oms raccomanda già i test di routine su tutte le donne in gravidanza per l'Hbv, nonché sull'Hiv e la sifilide il prima possibile durante la gravidanza. Alla luce di nuove prove sulla sicurezza e l'efficacia della profilassi antivirale nelle donne in gravidanza e nei loro bambini, l'Oms sta formulando oggi 2 nuove raccomandazioni:

• Le donne in gravidanza che risultano positive all'infezione da epatite B e hanno un alto livello di Hbv nel sangue (noto come carica virale da Hbv) devono ricevere una terapia antivirale preventiva con tenofovir dalla 28a settimana di gravidanza fino alla nascita. Il farmaco antivirale, tenofovir è disponibile a basso costo in molti paesi del mondo per meno di $ 3 al mese.

• In ambienti in cui il test della carica virale dell'Hbv non è disponibile, l'Oms raccomanda l'uso di un test alternativo a basso costo (HBeAg) per determinare se una donna è ammissibile alla terapia antivirale preventiva.

Nei paesi che hanno già raggiunto un'elevata copertura dell'immunizzazione dell'epatite B, compresa la tempestiva dose alla nascita, i test di routine per l'infezione da Hbv nelle donne in gravidanza e la profilassi antivirale per le persone bisognose rappresentano un'ulteriore opportunità per prevenire la trasmissione successiva da madre a figlio.

"L'arresto della trasmissione verticale dell'Hbv è un pilastro fondamentale dell'iniziativa globale di 'tripla eliminazione', che mira a eliminare la trasmissione madre-figlio di tre infezioni prevalenti nei paesi a basso e medio reddito: Hiv, sifilide e virus dell'epatite B", ha aggiunto Doherty. L'eliminazione della trasmissione madre-figlio dell'Hbv è anche un importante trampolino di lancio per raggiungere gli obiettivi della strategia globale dell'epatite dell'Oms, che mira a ridurre le nuove infezioni da epatite del 90% e le morti del 65%, rispetto ai livelli del 2015.

La pandemia Covid-19 mette a rischio i progressi futuri. Il Covid-19 minaccia di ostacolare i progressi nell'eliminazione dell'Hbv, mette in allarme l'Oms. Secondo un nuovo studio di modellistica condotto dall'Imperial College di Londra in collaborazione con l'Oms, le interruzioni del programma di vaccinazione contro l'epatite B dovute alla pandemia potrebbero avere un grave impatto sugli sforzi per raggiungere gli obiettivi della strategia globale.

Nello scenario peggiore, con alti livelli di interruzione sia della dose alla nascita che dell'immunizzazione da Hbv nell'infanzia (rispettivamente del 60% e del 20% per un anno), nonché un ritardo e un lento recupero nell'espansione del programma di vaccinazione verso i previsti obiettivi dell'Oms per il 2030 nel periodo post Covid-19, sarebbero previsti 5,3 milioni di ulteriori infezioni croniche da Hbv tra i bambini nati tra il 2020 e il 2030 e 1 milione di decessi aggiuntivi correlati all'Hbv tra questi bambini in seguito. Pertanto, le opportunità mancate ora per prevenire nuove infezioni da Hbv avranno un effetto duraturo e di grande impatto sulla vita.

Fonte: quotidianosanita.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione