Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Epatite C, qual è il peso degli antivirali ad azione diretta sulla mortalità?

Il trattamento con antivirali ad azione diretta è stato associato a una riduzione della mortalità pari al 49% in un campione di oltre 50.000 persone con virus dell'epatite C, indipendentemente dalla presenza di cirrosi, secondo i dati pubblicati su JAMA Network Open.

Il trattamento con antivirali ad azione diretta è stato associato a una riduzione della mortalità pari al 49% in un campione di oltre 50.000 persone con virus dell'epatite C, indipendentemente dalla presenza di cirrosi, secondo i dati pubblicati su JAMA Network Open.

Yamini Kalidindi ricercatore presso la Moran Company, e colleghi hanno notato che l'HCV è la malattia ematica più comune negli Stati Uniti e che mancano prove dell'efficacia in termini di costi del trattamento dei DAA.

Gli autori hanno sottolineato che: "Le simulazioni precedenti hanno utilizzato gli anni di vita in più come endpoint chiave per indicare che i benefici associati al trattamento con DAA possono superare i costi di questi farmaci", hanno scritto. "Tuttavia, le prove dal mondo reale sono limitate sull'associazione tra trattamento DAA e riduzione della mortalità, informazioni che sono cruciali per valutare il valore dei costosi farmaci DAA".

Per esaminare l'associazione del trattamento dei DAA con la mortalità tra i pazienti arruolati, Kalidindi e i colleghi hanno condotto uno studio di coorte utilizzando i dati di 51.478 beneficiari di cure per l’HCV e trattati per la prima volta tra il 1 ° gennaio 2014 e il 31 dicembre, 2016, dopo almeno un "periodo di washout" di 1 anno.

Sono stati raccolti dati relativi a decessi, dati demografici e indicatori dei rischi per la salute.
Nel complesso, lo studio ha dimostrato che il trattamento con DAA era statisticamente e significativamente associato a una diminuzione della mortalità tra i pazienti con e senza cirrosi.

Secondo lo studio, 8.240 pazienti (16%) avevano cirrosi e 43.238 pazienti (84%) no.
Nel braccio con cirrosi, l'HR rettificato relativo ai decessi tra i pazienti trattati con DAA e quelli non trattati era 0,51 (IC al 95%, 0,46-0,57). Lo studio ha dimostrato che l'associazione del trattamento con DAA con la mortalità non differiva in base al sesso o allo stato di doppia eleggibilità nel gruppo cirrosi.

Lo studio ha mostrato che, tra i pazienti senza cirrosi, l'HR aggiustato relativo al decesso tra i soggetti sottoposti a trattamento DAA e quelli senza trattamento DAA era 0,54 (IC 95%, 0,50-0,58); questi dati non differivano per sesso (donne vs uomini: HR, 0.46 [95% CI, 0.38-0.56] vs HR, 0.53 [95% CI, 0.47-0.60]; p=0.27).

Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che il vantaggio in termini di sopravvivenza associato ai DAA per i beneficiari non ammissibili era statisticamente e significativamente più elevato di quello per i beneficiari a doppia ammissibilità tra i pazienti senza cirrosi (HR=0,47; IC al 95%, 0,41-0,55 vs. HR=0,57; 95% CI, 0,52-0,62). Quindi quasi un raddoppio di sopravvivenza.

"Questi risultati suggeriscono che un maggiore accesso ai farmaci antivirali ad azione diretta per tutti i pazienti con infezione da virus dell'epatite C, indipendentemente dalla progressione della malattia, potrebbe migliorare la salute della popolazione", hanno concluso gli autori.

fonte: pharmastar.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione