Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Colangite biliare primitiva, migliore sopravvivenza con bezafibrato in aggiunta alla terapia standard. #EASL2020

Un ampio studio di coorte giapponese, presentato al Digital ILC 2020, riporta che la combinazione di bezafibrato più acido ursodesossicolico (UDCA) migliora la sopravvivenza libera da trapianto di fegato rispetto a nessun trattamento o alla monoterapia con UDCA nei pazienti con colangite biliare primitiva

Lo studio, che è stato riportato al Digital International Liver Congress (DILC) 2020, si aggiunge al crescente corpo di prove che suggeriscono che l'aggiunta di bezafibrato alla terapia con UDCA migliora sia i marcatori biochimici che i risultati a lungo termine nella PBC, specialmente nei pazienti con una risposta inadeguata a UDCA.

La colangite biliare primitiva (PBC) è una malattia del fegato immuno-mediata caratterizzata dallo sviluppo di autoanticorpi sierici, infiammazione, distruzione di piccoli dotti biliari intraepatici, colestasi progressiva e una lenta progressione verso la cirrosi e l'insufficienza epatica.

L'UDCA è il trattamento farmacologico raccomandato di prima linea per la PBC in Europa. Tuttavia, circa il 20% dei pazienti mostra una risposta inadeguata all'UDCA e questi pazienti sono a maggior rischio di complicanze epatiche e hanno maggiori probabilità di aver bisogno di trapianto di fegato rispetto ai responder al trattamento.

Il bezafibrato è un fibrato ipolipidemico attualmente approvato per il trattamento della PBC in Francia. È stato utilizzato in Giappone per più di un decennio come trattamento di seconda linea per i pazienti con PBC e con una risposta incompleta all'UDCA, consentendo una valutazione della sua efficacia a lungo termine come trattamento di combinazione.

Lo studio, presentato al D-ILC 2020, è un'analisi retrospettiva di 8.180 pazienti con PBC di cui 6.087 (74%) hanno ricevuto la monoterapia con UDCA, 943 (12%) hanno ricevuto una combinazione di UDCA e bezafibrato e 1.133 (14%) non hanno ricevuto alcun trattamento; i rimanenti 17 pazienti hanno ricevuto la monoterapia con bezafibrato.

I pazienti trattati con UDCA in monoterapia avevano un rischio significativamente inferiore di decesso per tutte le cause o trapianto di fegato rispetto a quelli che non ricevevano alcun trattamento; l' hazard ratio aggiustato (aHR) era 0,55 ( intervallo di confidenza al 95% [CI] 0,47, 0,65; p <0,0001).

L'aggiunta di bezafibrato all'UDCA ha conferito un'ulteriore riduzione del rischio rispetto alla monoterapia con UDCA, con un aHR di 0,23 (95% CI 0,15, 0,35; p <0,0001). I risultati erano simili se si considerava un esito combinato di morte correlata al fegato o trapianto di fegato.

"Idealmente, l'efficacia a lungo termine di UDCA e bezafibrato dovrebbe essere valutata in studi prospettici, randomizzati e controllati con placebo", ha detto il dottor Atsushi Tanaka della Teikyo University School of Medicine di Tokyo, in Giappone, che ha presentato i risultati dello studio. "Questo è difficile in Giappone perché il bezafibrato è un trattamento standard di seconda linea".

“Tuttavia, questo studio ha valutato un'ampia coorte nazionale di pazienti con PBC e l'aggiunta di bezafibrato all'UDCA ha prodotto maggiori benefici a lungo termine, riducendo notevolmente il rischio di morte per tutte le cause o trapianto di fegato rispetto al solo trattamento con UDCA. Poiché la risposta all'UDCA può ora essere anticipata dalle funzionalità di pre-trattamento, un nuovo approccio terapeutico potrebbe essere quello di avviare immediatamente la terapia di combinazione con bezafibrato nei pazienti con una scarsa risposta prevista all'UDCA ”.

"Studi prospettici, randomizzati e controllati con placebo di dimensioni e durata adeguate sono uno standard d'oro per dimostrare l'efficacia di nuovi interventi terapeutici in malattie per le quali le opzioni di trattamento sono limitate", ha affermato il professor Ulrich Beuers del Tytgat Institute for Liver and Intestinal Research di Amsterdam e membro del consiglio di amministrazione dell'EASL.

“Le analisi retrospettive possono anche portare a un enorme guadagno di conoscenze se eseguite con attenzione. Nella PBC, l'UDCA (13-15 mg/kg/die) è lo standard di cura per tutti i pazienti. I medici e i ricercatori giapponesi sono stati i primi a combinare l'UDCA con il trattamento con bezafibrato in pazienti che non rispondevano adeguatamente al solo UDCA.

L'analisi retrospettiva presentata dal professor Tanaka, che rappresenta un ampio gruppo di epatologi giapponesi, riassume l'esperienza a lungo termine giapponese con UDCA e bezafibrato in una coorte di oltre 8000 pazienti con PBC. Questo rapporto, insieme a studi prospettici ben progettati, avrà un impatto importante per la futura gestione della PBC in tutto il mondo e merita un profondo apprezzamento per gli sforzi dei nostri colleghi giapponesi”.

Tanaka A. Bezafibrate add-on therapy improves liver transplantation-free survival in patients with primary biliary cholangitis: a Japanese nationwide cohort study (GS01).

Fonte: pharmastar.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione