Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Cilofexor più firsocostat, nuovi dati dallo studio ATLAS presentati ad EASL2020

Cilofexor più firsocostat per 48 settimane si è mostrato sicuro e ben tollerato nei pazienti con fibrosi dovuta a steatoepatite non alcolica nello studio ATLAS di fase 2b presentato al Digital International Liver Congress, congresso annuale dell’EASL l’Associazione Europea per lo studio del Fegato.

"Cilofexor più firsocostat ha portato a un tasso non significativo ma più alto di miglioramento della fibrosi senza peggioramento della NASH e ridotta progressione verso la cirrosi rispetto al placebo", ha evidenziato, durante la sua presentazione, Rohit Loomba della divisione di Gastroenterologia presso l'Università della California a San Diego.

Nello studio ATLAS fase 2b, Loomba e colleghi hanno assegnato in modo casuale 392 pazienti con fibrosi avanzata (stadio da f3 a f4) a causa della NASH a ricevere placebo, selonsertib18 mg (SEL), cilofexor 30 mg (CILO) o firsocostat (FIR) a 20 mg, da solo o in combinazione di due farmaci una volta al giorno per 48 settimane.

Lo studio ha adottato un approccio di machine learning per valutare le biopsie dal basale e 48 settimane.
La percentuale di pazienti con un miglioramento di almeno 1 stadio della fibrosi senza peggioramento della NASH è servita come endpoint primario. Altri endpoint erano cambiamenti nel punteggio di attività della NAFLD (NAS), biochimica epatica e biomarcatori non invasivi.

I risultati hanno mostrato che la maggior parte dei pazienti aveva cirrosi, diabete e un punteggio NAS di almeno 5.
I ricercatori hanno notato che un numero maggiore di pazienti trattati con la terapia di combinazione rispetto al placebo hanno ottenuto un miglioramento di almeno 1 stadio nella fibrosi senza peggioramento della NASH, con CILO più FIR (21%, p=0,17), CILO più SEL (19%, p=0,26), FIR più SEL (15%, p=0,62), FIR (12%, p= 0,94), CILO (12%, p=0,96) e placebo (11%).

CILO più FIR ha ridotto significativamente il punteggio della fibrosi della rete di ricerca clinica della NASH e uno spostamento dell'area proporzionale della biopsia da F3 a F4 a F2 o meno.

CILO più FIR rispetto al placebo ha aumentato significativamente le percentuali di pazienti con una riduzione di almeno 2 punti nel punteggio NAS e miglioramenti di 1 grado o più nella steatosi, infiammazione lobulare e a palloncino (tutti p<0.05).

"Il miglioramento della fibrosi senza peggioramento della NASH con CILO/FIR era più frequente nei pazienti con una risposta NAS di almeno 2 punti (35% vs 14%, p=0.060)", ha detto Loomba.

Inoltre, CILO più FIR ha migliorato significativamente l’alanina aminotransferasi e l’aspartato aminotransferasi sieriche, bilirubina, acidi biliari totali, CK18, insulina, velocità di filtrazione glomerulare stimata e punteggio di fibrosi epatica migliorato (tutti p=0,05).

Inoltre, ha aumentato significativamente la percentuale di pazienti con una riduzione del 25% o più della rigidità epatica mediante elastografia transitoria (45% contro 20% con placebo, p=0,016). Tutti i regimi terapeutici sono stati ben tollerati.

Secondo Loomba, il prurito si è verificato nel 28% dei pazienti che hanno ricevuto CIRO più FIR rispetto al 15% dei pazienti che hanno ricevuto placebo.

Secondo gli autori il trattamento con cilofexor più firsocostat è stato associato a prurito gestibile e ipertrigliceridemia e che sono necessari ulteriori studi sulle terapie combinate per la fibrosi avanzata dovuta alla NASH.

Loomba R, et al. Abstract LB04. EASL2020. Aug. 27-29, 2020.

Fonte: pharmastar.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione