Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Alterazioni epatiche in pazienti obesi o con NAFLD Un test del respiro favorisce la diagnosi precoce

Il test del respiro con 13C-metacetina favorisce la diagnosi precoce di alterazione epatica in pazienti con obesità e steatosi epatica non alcolica (NAFLD). È il risultato di uno studio coordinato dall’università di Bari, in collaborazione con il Policlinico San Martino di Genova, che è stato pubblicato sull’European Journal of Internal Medicine.

La NAFLD è la causa più comune di malattia epatica cronica con una prevalenza mondiale di circa il 30%, si verifica spesso negli individui in sovrappeso ed è associata a dislipidemia e resistenza all’insulina. I soggetti con questa patologia non hanno segni di epatopatia acuta o cronica se non un accumulo eccessivo di lipidi, principalmente trigliceridi, nel fegato e nessun’altra causa di accumulo secondario di grasso epatico, compreso un forte consumo di alcol. La NAFLD comprende uno spettro completo di condizioni che vanno dalla steatosi epatica non alcolica al tipo più progressivo con infiammazione epatica, fibrosi e necrosi, ovvero steatoepatite non alcolica (NASH), fino alla cirrosi “criptogenetica” e al carcinoma epatocellulare. Pertanto, aumenta il rischio di morbilità e mortalità correlate al fegato. Inoltre, la NAFLD è spesso associata a complicanze non correlate al fegato, comprese malattie cardiovascolari e neoplasie: le adipocitochine, fortemente coinvolte nella sua patogenesi e nella sua evoluzione, svolgono un ruolo importante nei meccanismi che collegano la resistenza sistemica all’insulina all’accumulo di grasso negli epatociti.

L’adiponectina è un ormone polipeptidico coinvolto in una serie di processi metabolici che includono la regolazione dell’omeostasi del glucosio e l’ossidazione degli acidi grassi. Ha effetti antinfiammatori, antiossidanti e protettivi sul fegato e i suoi livelli sierici sono inversamente correlati all’insulino-resistenza. Bassi livelli sierici, tuttavia, potrebbero ricoprire un ruolo nella progressione a NASH. La leptina è un altro ormone secreto prevalentemente dalle cellule adipose e dagli enterociti nell’intestino tenue e aiuta a regolare l’equilibrio energetico inibendo la fame. Questo passaggio riduce l’accumulo di grasso negli adipociti. I livelli sierici di leptina sono associati alla massa grassa di tutto il corpo e sono più alti nei soggetti in sovrappeso e obesi rispetto ai soggetti di peso normale. Livelli sierici aumentati hanno proprietà pro-infiammatorie e aterogeniche e concentrazioni elevate di questa adipochina possono promuovere la progressione della NAFLD.

In questo scenario, un’omeostasi sbilanciata delle adipochine potrebbe essere collegata a una funzionalità epatica alterata nei pazienti con NAFLD. In particolare, questi potrebbero sviluppare alterazioni funzionali senza fibrosi significativa a causa delle interrelazioni tra bassi livelli di adiponectina e aumento dei livelli di leptina.

Lo studio, attraverso il test del respiro 13C-metacetina, ha coinvolto 67 adulti suddivisi in base all’indice di massa corporea e alla presenza o assenza di steatosi epatica non alcolica ecografica (uNAFLD). uNAFLD è stato rilevato rispettivamente nel 20%, 73% e 96% di soggetti normopeso, sovrappeso e obesi. Il delta rispetto al basale dopo 15 minuti (DOB15), un marker dell’efficienza di estrazione epatica dal flusso sanguigno portale, era inferiore negli obesi rispetto ai soggetti di peso normale e rispetto a quelli senza uNAFLD. La percentuale cumulativa di recupero della dose dopo 30 minuti (cPDR30), un marker della funzione microsomiale epatica, era inferiore nei pazienti con uNAFLD. DOB15 è stato correlato positivamente con i livelli di adiponectina nei pazienti obesi e nei pazienti con uNAFLD. I pazienti con uNAFLD hanno anche mostrato una correlazione positiva tra i valori di cPDR30 e l’adiponectina.

I risultati indicano l’esistenza di alterazioni precoci della funzionalità epatica negli obesi e nei pazienti con uNAFLD. Queste disfunzioni sono legate a un equilibrio alterato di leptina-adiponectina e possono essere identificate in modo non invasivo da 13C-metacetina.

Fonte: Epateam

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione