Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Alcol e tumore del fegato, uno studio svela nuove correlazioni

Ci sarebbero nuove correlazioni tra alcol e tumore del fegato. Su questo legame si è concentrato uno studio cinese pubblicato su BMC Medicine per diffondere ulteriori conoscenze su questa pericolosa associazione. L’eccessivo consumo di bevande alcoliche, infatti, è come noto un fattore che predispone all’epatocarcinoma (HCC).

I ricercatori hanno incluso nell’indagine i partecipanti della UK Biobank con informazioni dettagliate sull’uso di alcol e privi di malattie comuni. Hanno calcolato l’assunzione giornaliera di alcol puro (g/giorno) e per ogni partecipante è stato assegnato il tipo di bevanda alcolica predominante.

Sono stati eseguiti modelli di regressione di Cox additiva e analisi di randomizzazione mendeliana non lineare (NLMR) per valutare l’associazione tra alcol e tumore del fegato. Su 329.164 partecipanti (52,3% donne), sono stati registrati 201 casi incidenti di epatocarcimoma durante un follow-up mediano di 12,6 anni.

Il modello di regressione di Cox meglio adattato ha suggerito una relazione a forma di J tra il livello di assunzione giornaliera di alcol e il rischio di tumore del fegato. Tuttavia, l’analisi NLMR non ha rilevato una correlazione non lineare tra consumo di alcol e HCC. Il modello di correlazione a forma di J è stato rilevato solo nei soggetti che bevevano principalmente vino, ma non in quelli che bevevano principalmente birra, liquori o vino fortificato. 

Il consumo moderato di vino ha mostrato un significativo effetto di riduzione dell’alanina transaminasi (ALT) e dell’aspartato aminotransferasi rispetto ai non bevitori. Nelle popolazioni a basso rischio di HCC, tra cui donne, persone di età inferiore ai 60 anni e soggetti con livelli normali di ALT gli studiosi hanno osservato una correlazione a forma di J tra il consumo di alcol e l’HCC.

Tuttavia, è stata riscontrata un’associazione dose-risposta positiva nelle rispettive controparti, anche in coloro che bevono prevalentemente vino.

Da qui si è concluso che il consumo di alcol da basso a moderato può essere inversamente associato al rischio di HCC nelle popolazioni a basso rischio, il che può essere in gran parte determinato dal consumo di vino.

Tuttavia, coloro che appartengono a popolazioni ad alto rischio di tumore del fegato, come gli uomini e gli anziani, e coloro che hanno livelli di ALT anormali e sono portatori di varianti genetiche di rischio, dovrebbero astenersi dal bere alcolici. Dato l’esiguo numero di casi di epatocarcinoma, ulteriori convalide con un numero maggiore di casi sono giustificate in studi futuri.

Fonte: epateam.org


Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione