cnl_1

Mario Melazzini: “È ora che Big Pharma abbassi i prezzi”

03/02/2017
Spazzare via il virus. Si può fare curando 250.000 italiani. Ma i costi sono troppo alti E il direttore dell’Agenzia del farmaco promette battaglia

Eradicare l'epatite C, curando circa 250 mila persone nei prossimi tre anni. Cioè molte di più delle 65mila che hanno avuto i farmaci gratis nel biennio 2015-2016. E' l'obiettivo del ministero e di Aifa ma per raggiungerlo è necessario che le industrie produttrici, "rinuncino a logiche esclusivamente finanziarie e siano parte attiva nella risposta al bisogno di salute dei cittadini", dice il direttore dell'Agenzia del farmaco (Aifa) Mario Melazzini. I prezzi sostenuti dal sistema pubblico (secondo certe stime 15mila euro in media a trattamento), anche alla luce di quanto avviene in India, dove i nostri concittadini vanno a comprare il farmaco con 600 euro, sono ormai inconcepibili, anche perché migliaia di persone sono ancora senza terapia.

Dottor Melazzini, le trattative con i produttori, Gilead in testa, per rideterminare i prezzi dei medicinali sono ancora in corso, quando le concluderete?
"A fine febbraio vorremo chiudere. Il ministro Lorenzin ci ha chiesto di eradicare l'epatite C, per farlo è le aziende ci devono venire incontro. Se in India hanno dato la possibilità di produrre a quelle cifre, allora facciano maggiori sconti anche a noi".

Pensa che basti un appello del genere ad ottenere riduzioni dei prezzi?
"L'industria deve anche ragionare in un'ottica di equità, solidarietà, responsabilità sociale. Ho richiamato più volte le aziende per fare capire loro che partecipano come attori alla risposta di un bisogno di salute del nostro Paese. Non possono guardare esclusivamente all'aspetto finanziario. Stanno uscendo anche nuove molecole, siamo convinti di potere fare leva sulla concorrenza tra loro".

Come progettate l'eradicazione?
"Il governo italiano, unico caso al mondo, grazie al ministro Lorenzin ha stanziato 500 milioni di euro all'anno per i prossimi tre anni per questi farmaci. Stimiamo che le persone con il virus attivo siano tra le 290mila e le 600mila. Circa 65mila le abbiamo già trattate, se ne cureremo circa 80mila l'anno fino al 2019 supereremo il primo dei due dati di prevalenza. Cioè daremo un colpo importante alla malattia. Sarà anche necessario creare finalmente un registro dei malati per conoscere i numeri esatti della prevalenza".

Ce la faranno i centri epatologici a somministrare i farmaci?
"Oggi abbiamo sul territorio italiano 226 centri. I nostri clinici dicono di essere in grado di raddoppiare la capacità di presa in carico dei pazienti, che fino ad ora è stata di 36mila malati all'anno. Stiamo valutando anche di aumentare quei centri".

Il vecchio contratto con l'industria prevedeva 50mila pazienti trattati ad un prezzo medio di 15mila euro. L'accordo è scaduto e le Regioni intanto hanno curato altre 15mila persone. Quanto dovranno pagare per questi farmaci?
"Il nuovo accordo e determineremo il prezzo, spero molto più basso di quello medio del passato contratto, avrà effetto anche per i 15mila trattamenti già anticipati dalle Regioni".

Il suo predecessore, Luca Pani, aveva secretato il contratto con Gilead sul prezzo dei farmaci. Lo farà anche lei?
"Ci muoveremo dopo esserci confrontati con l'antitrust. Comunque credo che alle Regioni saranno resi i noti tutti i termini del nuovo accordo".

Fonte: repubblica.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!